Twitter ha sospeso l’account del fondatore di #facciamorete

19 novembre 2020

Marco Skino, fondatore della community, è stato sospeso temporaneamente da Twitter per "comportamenti sospetti". Dopo alcune ore è stato sbloccato

screenshot del profilo di @MPSkino (fonte Twitter)

Twitter ha bloccato il profilo dell’ideatore dell’iniziativa #facciamorete, Marco Skino, con l’accusa di aver eseguito delle attività sospette. Il profilo di Marco Skino, che ora conta più di 11mila follower, è stato il primo a lanciare l’hashtag #facciamorete con lo scopo di creare un “progetto culturale che abbraccia il dna dei valori antifascisti posti all’origine della Costituzione italiana”.

L’hashtag #facciamorete, partito il 13 dicembre 2018, non aderisce a nessun movimento politico ma ha presto coinvolto una comunità di utenti critici sull’operato del governo Conte. Il social network non ha fornito spiegazioni diverse dal messaggio automatico che avvisa l’utente del blocco del profilo e Marco Skino ha comunicato ai suoi follower di aver ricevuto il blocco anche sui direct message. Lo stop è arrivato a seguito di un tweet contenente l’hastag #selfiedigoverno che, satiricamente, riportava un quadrato nero.

L’azione del social network ha scatenato parecchie reazioni di sostegno a Skino. Sono intervenuti twittando l’hashtag #SonoSkino personaggi come il disegnatore Makkox o l’ex premier Matteo Renzi.

Dopo una serie di email scambiate con il team del social network però Skino ha riottenuto il suo profilo assieme alle scuse del social network.


 
 
 Possiamo aiutarti?