Vivo Apex 2019, lo smartphone 5G con lettore di impronte a tutto schermo

09 novembre 2020

È il successore del telefono presentato l'anno scorso e lo vedremo probabilmente al Mobile World Congress

Battuti per un soffio dall’avversaria Meizu, anche i cinesi di Vivo hanno annunciato in queste ore l’esistenza di uno smartphone sigillato in una scocca del tutto priva di aperture verso l’esterno. Si chiama Vivo Apex 2019 e come suggerisce il nome rappresenta l’erede spirituale del concept phone che fu mostrato a inizio 2018 e si trasformò poi nell’ottimo Vivo Nex con fotocamera anteriore a scomparsa. Quest’ultimo gadget però è decisamente più esagerato — sia del predecessore che per certi versi del Meizu Zero presentato poche ore fa.

Come l’avversario, Vivo Apex 2019 infatti è del tutto privo di pulsanti fisici, altoparlanti tradizionali, porta di caricamento e schede sim: al loro posto ci sono pulsanti capacitivi, un sistema di diffusione audio attraverso lo schermo, connettori magnetici per la ricarica e, con tutta probabilità, un sistema esim per i collegamenti alla rete cellulare. In più rispetto a Meizu Zero, Apex 2019 vanta però diverse caratteristiche all’avanguardia. Innanzitutto a muovere le operazioni è previsto un processore Snapdragon 855 di ultima generazione con supporto alle reti 5G. Il quantitativo di ram a bordo annunciato è di ben 12 gb e il lettore di impronte digitali, posizionato sotto lo strato del display, funziona poggiando il dito su qualunque punto dello schermo. L’unico problema è rappresentato dalla fotocamera anteriore, o meglio dalla sua assenza: Vivo Apex 2019 sfoggia infatti uno spettacolare display senza cornici che però non ospita notch né fori all’interno.

Non per niente il gadget al momento è poco più di un prototipo: estremo per vocazione, ma difficilmente destinato ad essere venduto in grandi quantità. Anzi al momento non è neppure detto che finirà in commercio, dal momento che Vivo non si è sbottonata al riguardo. Per il momento sappiamo solo che lo troveremo al Mobile World Congress 2019, dove si sfiderà a distanza con Meizu Zero e con gli altri smartphone presenti.


Fonte: WIRED.it

 
 
 Possiamo aiutarti?