Marmellata di arance siciliane

22 ottobre 2020

La marmellata di arance siciliane rappresenta uno dei dolci trionfi di questo prodotto siciliano per antonomasia.
La vera coltivazione delle arance in Sicilia, che gli arabi intrudessero fra il X e il XII secolo, inizia dopo il

1800 ed in particolar modo nella Conca d’Oro di Palermo, e in una vastissima parte nella provincia di Catania dove vengono prodotte le arance rosse uniche al mondo, che possiedono un elevato standard di qualità. Uniche al mondo perché vari tentativi eseguiti in Spagna Marocco e California non hanno dato risultati di grande rilievo.

Nella nostra ricetta abbiamo usato due accorgimenti che potrebbero fare arricciare il naso ma che soddisfano due esigenze del tutto personali che, sono certo, intesseranno parecchi d voi.
Il primo consiste nell’uso di un gelificante derivato dalle mele e dagli agrumi che riduce notevolmente il tempo di bollitura della frutta mantenendo inalterati il colore e il sapore della frutta fresca.
Il secondo espediente è quello di frullare finemente la frutta, in considerazione del fatto che, personalmente, non gradisco i pezzi di frutta nelle confetture di ogni genere. Pertanto, se non volete, potrete seguire l’esecuzione tradizionale ovvero senza gelificante e lasciando la frutta a pezzi.

Ingredienti

kg. 1,800 arance non trattate già preparate come indicato nel procedimento
la buccia di cinque delle arance non trattate
gr. 700 zucchero semolato
due buste di Fruttapec Cameo per confetture 3:1
un tegame largo e dai bordi alti in modo che le arance la riempiano per un quarto
tre vasetti di vetro a chiusura ermetica sterilizzati da 500 ml e uno da 250 ml

Procedimento

Per preparare la marmellata di arance siciliane è necessario che le stesse non siano state trattate. Per riconoscerle basta comprare prodotti biologici oppure, nel caso di agrumi, quelli che sono ancora provvisti di foglie. È molto importate usare prodotti non trattati perché gli agrumi, in particolare quelli di derivazione non biologica, sono trattati con additivi e sostanze (per lo più tossiche alle alte concentrazioni) che evitano la formazione di muffe o danno ai frutti un aspetto lucido. Quindi fate molta attenzione.
Lavare accuratamente le arance e asciugarle con un panno pulito. Poi, aiutandovi con un pelapatate, sbucciare superficialmente cinque arance, avendo cura di evitare la parte bianca, tagliarle a pezzi e metterle da parte. Adesso sbucciare le arance a vivo eliminando tutta la buccia superficiale, la parte bianca, i filamenti interni ed eventuali ossicinni. Tagliarle a pezzi e unirle alle bucce fino a raggiungere il peso indicato negli ingredienti.
Intanto sterilizzare i vasetti di vetro. Noi abbiamo usato il forno a microonde che permette una sterilizzazione rapida ed efficace.
Lavare e sciacquare accuratamente i vasetti e riempirli con acqua fino a tre quarti della capienza. Adagiarli sul ripiano del forno a microonde e metterlo in funzione per circa tre minuti (l’acqua all’interno dei vasetti dovrà bollire). Eliminare l’acqua, rimettere i vasetti nel microonde e metterlo in funzione per altri tre minuti. Questo passaggio farà evaporare i residui d’acqua. Lavare i coperchi con acqua calda e asciugarli con un panno pulito. Cercate di procedere alla sterilizzazione tenendo conto che la marmellata bollente dovrà essere versata nei barattoli ancora caldissimi.
Mettere le arance con le bucce nella pentola, mescolare il Fruttapec con lo zucchero e aggiungerlo, a freddo, alle arance. Mettere sul fuoco e portare ad ebollizione. Mescolare e, quando il tutto sarà amalgamato frullare con il minipimer fin quando arance e bucce siano ben triturate. Far bollire a fuoco vivace per tre minuti. Togliere la pentola dal fuoco e mescolare in modo da far dissolvere l’eventuale schiuma formatasi. Versare un cucchiaino di liquido in un piattino, farlo raffreddare e verificare la consistenza. Se la marmellata è ben gelificata rimettere il tegame sul fuoco, riportare ad ebollizione e versare la marmellata ancora bollente nei barattoli sterilizzati aiutandovi con un imbuto per marmellata e avendo cura di riempirli fino all’orlo. Chiudere ermeticamente i vasetti, adagiarli capovolti su di un piano e lasciarli riposare per cinque minuti (in questo modo si sterilizzano anche i coperchi).
La marmellata di arance siciliane raggiungerà la giusta consistenza dopo 24 ore.



 
 
 Possiamo aiutarti?