Zte: nessuna prova che le onde 5G abbiano effetti negativi sulla salute

28 febbraio 2019

Nulla prova che le onde millimetriche del 5G rappresentino un pericolo per la salute umana. Ne è convinto Zhang Wanchun, Senior Vice President e Responsabile Wireless Product di Zte, che al Mobile World Congress di Barcellona ha illustrato il funzionamento delle reti wireless messe a punto dal colosso cinese che in Italia ha in atto la sperimentazione della nuova tecnologia a L’Aquila e a Prato.

«Abbiamo discusso a lungo con gli operatori e con le autorità locali» ha detto «la potenza del segnale del 5G è maggiore rispetto a quella delle 4G, ma non va confusa con la quantità di energia emessa. Le antenne 4G sviluppano 320 W di potenza, contro i 200 W delle antenne 4G. Il fatto che le antenne di ultima generazione sfruttino l’intelligenza artificiale e algoritmi più sofisticati permette di indirizzare meglio il segnale e di sfruttarlo al suo massimo».

Secondo Zhang il tema della sicurezza per gli organismi viventi rispetto alle radiazioni del 5G «semplicemente non esiste». «È un tema che abbiamo studiato a lungo con gli operatori di ogni Paese per essere sicuri di essere sempre all’interno dei parametri previsti da ogni singola legislazione, ma ciò non toglie che continueremo a monitorare lo sviluppo di questa tecnologia per garantire la sua sicurezza».



 
 


© 2018 | Yuss P.IVA 06727120963 Privacy Policy
 

 Possiamo aiutarti?