In migliaia al palazzetto per ascoltare Michelle Obama intervistata da Sarah Jessica Parker

21 dicembre 2018

Nella Brooklyn nera di Michael Jordan e Mike Tyson, dentro al Barclays Center costruito per far giocare la squadra di basket di Jay Z e Beyoncè, introdotta da Alicia Keys e intervistata da Sarah Jessica Parker, Michelle Obama ha concluso mercoledì sera il tour di presentazione del libro Becoming. Lo ha fatto parlando alla New York che incarna l’altra America, sconfitta da Trump nelle presidenziali del 2016, ma mobilitata ora nella resistenza.

Ovviamente non sono mancate le frecciate al presidente, tipo «dobbiamo riprenderci il paese e ristabilire la dignità», oppure «tornare a dire la verità», o anche non essere guidati da «un’amministrazione di incriminati». L’appello però è stato più ampio, rivolto anche ai repubblicani e all’Europa, ovunque si stia affermando l’ondata populista. «Il solo fatto che siate qui - ha detto Michelle alle migliaia di sostenitori seduti sugli spalti - rappresenta la voglia di unità di chi non si riconosce nel clima attuale. State dimostrando la volontà di tenere la mente aperta verso gli altri. Questo spirito esiste, è ancora vivo e vero, ed è l’autentica anima degli Stati Uniti e della nostra civiltà occidentale. Non lasciatevi dire che non fate parte dell’America, o della società in cui vivete, ovunque siate nel mondo. E andate a votare, per conquistarvi la speranza».



 
 


© 2018 | Yuss P.IVA 06727120963 Privacy Policy
 

 Possiamo aiutarti?