Ecco come funziona il controllo batteria su iPhone con iOS 11.3

Le polemiche sul calo prestazionale degli iPhone con batterie deteriorate non hanno influito più di tanto sulle vendite degli smartphone Apple, come dimostrato dai numeri da record della prima trimestrale del 2018 . Ciò nonostante l’azienda di Cupertino seriamente intenzionata a riparare il danno di credibilità legato alle carenze comunicative che hanno fatto scoppiare il caso “iPhone lento”.  

Con l’arrivo di iOS 11.3, previsto per la primavera, gli utenti di iPhone avranno un maggior controllo sullo stato della batteria e sull’impatto della gestione energetica sulle prestazioni. Le nuove funzionalità per ora sono disponibili sono nell’ultima beta per sviluppatori, ma Apple le ha già descritte nel dettaglio in un documento pubblico di supporto , con un livello di dettaglio raramente riservato a questo tipo di novità software.  

Stato della batteria  

Su iOS 11.3 comparirà il nuovo menu “Stato Batteria”, raggiungibile da Impostazioni > Batteria. Nel pannello si potranno visualizzare informazioni dettagliate sulle condizioni dell’unità di carica e sullo stato della gestione delle prestazioni.  

Per le batterie ancora nuove la capacità massima mostrata in questo menu sarà del 100%. Con l’invecchiamento naturale del componente la percentuale inizierà a scendere. Le batterie dell’iPhone, come quasi tutte le batterie al litio degli smartphone più recenti, possono conservare “fino all’80% della capacità originale dopo 500 cicli di ricarica completi”. È bene specificare che per ciclo di carica si intende uno scaricamento e una ricarica completa del dispositivo (e non ad esempio una ricarica parziale fino al 100%).  

Gestione delle prestazioni  

Una batteria deteriorata non comporta solo una minore autonomia. Su alcuni modelli di iPhone può influire su una cattiva gestione dei picchi di richiesta energetica durante il funzionamento del dispositivo. In questi casi il rischio è quello di uno spegnimento improvviso, necessario per salvaguardare i componenti più delicati. Per evitare proprio questo tipo di imprevisto lo scorso anno Apple ha introdotto una funzionalità per la gestione intelligente delle prestazioni (ovvero la pietra dello scandalo del caso “iPhone lenti”).  

Con iOS 11.3 sarà possibile tenere sotto controllo questa funzionalità e sapere in ogni momento se la gestione delle prestazioni (o “rallentamento del dispositivo”, se preferite) è attiva oppure no.  

In condizioni normali il dispositivo avverte l’utente con questo messaggio: “La tua batteria al momento offre prestazioni di picco standard”.  

Spegnimento improvviso  

In caso di batteria lievemente deteriorata il messaggio mostrato sarà differente: “Si è verificato l’arresto improvviso di iPhone perché la batteria non è stata in grado di assicurare la potenza di picco necessaria. Per impedire che il problema si verifichi di nuovo, è stato attuato un sistema di gestione delle prestazioni. Disabilita…” 

Se l’utente decide di disattivare la funzionalità il sistema operativo la riattiverà comunque dopo uno spegnimento improvviso. Il questo caso il pannello mostrerà un messaggio d’avviso: “si è verificato l’arresto improvviso di iPhone perché la batteria non è stata in grado di assicurare la potenza di picco necessaria. Hai disabilitato manualmente le opzioni di protezione della gestione delle prestazioni”. 

Nei dispositivi già in uso che verranno aggiornati a iOS 11.3 l’opzione inizialmente non sarà attiva ed entrerà in funzione solo in caso di necessità. 

Batteria deteriorata  

Nel caso la batteria del dispositivo sia eccessivamente deteriorata, con una capacità massima di carica fortemente compromessa, il dispositivo avvertirà l’utente con questa indicazione: “Le prestazioni della tua batteria sono diminuite in modo significativo. Recandoti a un centro di assistenza autorizzato Apple, puoi sostituire la batteria in modo tale da massimizzarne nuovamente l’autonomia e le prestazioni”. 

Apple specifica che il deterioramento influisce unicamente sulle prestazioni e sulla durata della carica, senza alcun pericolo per l’incolumità dell’utente. In questo caso una sostituzione (in garanzia o meno) è fortemente consigliata. 

Fino a fine 2018 Apple offre la sostituzione della batteria su qualsiasi iPhone (anche nel caso l’unità di carica sia ancora funzionante) a 29€. Per alcuni modelli di iPhone 6S la sostituzione potrebbe essere gratuita. In questa pagina del sito Apple è possibile inserire il numero di serie del vostro dispositivo e verificare se rientra tra quelli compresi nel programma di richiamo.  

iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X  

Nel documento Apple spiega infine che “i modelli iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X utilizzano software e hardware dal design più evoluto”. Gli smartphone più recenti possono contare su stime più precise sulla capacità energetica della batteria. In questo modo si possono evitare gli spegnimenti improvvisi con una ottimizzazione delle prestazioni meno drastica e con un calo prestazionale meno evidente rispetto ai modelli precedenti. Tuttavia, specificano da Cupertino, il deterioramento delle unità di carica è un fenomeno fisico a cui nessun modello di smartphone può sfuggire: “nel corso del tempo la capacità e le prestazioni massime delle batterie ricaricabili contenute in tutti i modelli di iPhone diminuiscono e potrebbe essere necessario sostituirle”. 


 
 
 LIVE CHAT